Il laboratorio si propone di introdurre alle tecniche, ai metodi, alla cultura dell’edizione delle fonti liturgiche, attraverso un percorso di durata annuale (ottobre-giugno) con incontri a cadenza mensile. Esso prevede lezioni introduttive a carattere interdisciplinare (descrizione dei manoscritti liturgici, euristica delle fonti, paleografia musicale, ecdotica liturgica) con esercitazioni pratiche in classe e a casa finalizzate all’edizione dei testi in esame.

L’edizione 2021-22 è coordinata da Laura Albiero, Eleonora Rava e Filippo Sedda ed è dedicata agli Ordines ad recludendum ancora inediti di vari paesi europei. Si tratta della liturgia che il vescovo compiva per chi sceglieva una vita di reclusione volontaria. Questo fenomeno ebbe la sua massima fioritura in Europa nel pieno e tardo medioevo. È una forma di vita religiosa che si situa alla punta estrema dell’eremitismo e che cerca la solitudine con la reclusione in una cella le cui mura costituiscono il confine con lo strepito del mondo cittadino.

Per maggiori info clicca qui

Il Laboratorio si propone di introdurre alle tecniche, ai metodi, alla cultura dell’edizione delle fonti documentarie mediante un corso intensivo, che prevede un lavoro pratico con alcuni approfondimenti tematici. L’oggetto di studio sono le lettere papali ricevute e conservate dalle Clarisse del monastero di S. Tommaso di Monte Santo, od. Potenza Picena (XIII-XV secolo), inedite.